IL Blog

La Bandiera della Madre Divina



C.R.E.I.MANDALART  IMM.1A vet.   

Simbolo solare giallo oro su fondo rettangolare bianco

Origini della Bandiera della M.D.

                                                                 lei sta alla testa della nascita della lotta e del fato...                                       Sri Aurobindo

Lab. FERVIDAMENTE

Il C.R.E.I. & Ass. Nave Alata Surya                                  sono felici di presentare IL Primo Laboratorio a Taranto sui        Fervida e altri Fermenti                            Per rigenerare e purificare noi e nostro habitat
in modo semplice economico ed efficace

 

Il 26 FEBRAIO 2017

Dalle 10,00 alle 18,00           

In Viale del Tramonto N.77 Ta

con Lorenzo D.P. e Lucia F.


I Fervida sono un alimento probiotico                               dalle molteplici potenzialità benefiche                                    che è possibile realizzare in casa                                     con una semplice ricetta.

Impariamo come realizzarli e utilizzarli al meglio…

Per info e prenotazioni .
Tel. 099/7332175   Cel. 3409735388 

 

navealatasurya@gmail.com

 

Facebook  nave alata surya

Gruppo facebook Fervidamente

 

0 Commenti

IL MAESTRO NORBU A DZAMLINGAR TENERIFE

GIRATO: KAITA DANCE A DAZANLINGAR

CANALE YOU TUBE  DEI KAITA LE DANZE DELLA GIOIA

0 Commenti

FERVIDAMENTE TARANTO

NASCE IL GRUPPO LOCALE DI AUTOPRODUZIONE ALIMENTI PROBIOTICI              PER IL BENESSERE DELLA PERSONA E DELL’AMBIENTE

Siamo lieti di annunciare la nascita del progetto C.R.E.I. - FERVIDAMENTE TARANTO -

Fervidamente Taranto vuole essere il gruppo locale, di promozione e di libero scambio, dei fermenti di vita, per l'autoproduzione di alimenti probiotici, salutari e buoni come il Tibicos, il Kefir al latte, il Kombucha, Lieviti per il Pane, Fervida, ecc. 

Queste sostanze preziose possono essere realizzate in casa da ognuno di noi a partire da Madri che servono ad innescare un processo di fermentazione che trasforma, volendo semplificare, acqua e zucchero o latte in elisir di salute e vitalità.

Le MADRI di questi alimenti probiotici, insieme alle conoscenze ad esse associate, sono il valore che intendiamo condividere in questo gruppo di libero scambio solidale.

 

Vivere a Taranto significa vivere in una terra bellissima ma anche fortemente inquinata dall'ignoranza e dalla menzogna oltre che da innumerevoli sostanze tossiche.

Spesso noi tarantini ci siamo sentiti impotenti di fronte a scelte imposte dall'alto, che hanno minato la qualità della nostra vita e del nostro territorio. Al fine di renderci più protagonisti nella tutela della nostra salute, il Gruppo C.R.E.I. Fervidamente Taranto vuole informare e sostenere la diffusione di alcune  semplici ed economiche pratiche di buona cucina ed alimentazione, utili al benessere dell' uomo e della natura; infatti, 

 attraverso specifiche fermentazioni, ognuno di noi può realizzare alimenti probiotici  dalle incredibili proprietà salutari e terapeutiche.

E' stato dimostrato infatti da numerosissimi studi scientifici e soprattutto dall'esperienza secolare dei popoli, che questi alimenti fermentati, hanno proprietà disintossicanti, chelanti, antiossidanti, energizzanti, immunostimolanti, ecc. Gli alimenti probiotici, possono essere  utilizzati nell'igiene della persona come in quella della casa, ed essere di aiuto agli animali, alle piante, purificare e rigenerano le acque e le terre contaminate, anche dalle radiazioni.

Sono conoscenze antiche, ma, anche un campo tutto da esplorare, quand'anche la scienza sembra sempre più consapevole dell'importanza del microbiota e, più in generale, del microbioma, nell' equilibrio della salute globale. Tutti noi che abitiamo a Taranto in modo particolare, siamo esposti a una grande quantità di inquinanti che minano la qualità della nostra  vita, ma, grazie a queste meravigliose sostanze, potremo ridurre l'impatto di questi inquinanti e acquisire un maggiore livello di salute, vitalità e benessere globali. Preparare alimenti probiotici, è un piccolo gesto, che può fare la differenza. 

Il gruppo C.R.E.I. Fervidamente Taranto vuole contribuire a livello locale alla diffusione di queste metodologie, condividendo le conoscenze e le Madri dei fermenti e coinvolgendo anche professionisti del settore, al fine di renderci informati, e fervidamente attivi, nella salvaguardia della nostra salute come quella del territorio in cui viviamo.

Il progetto Fervidamente Taranto prevede:
1) utilizzare facebook come piattaforma per scambiarci le informazioni e le Madri dei fermenti: tibicos, kefir al latte, kombucha, lievito madre, fervida ecc.
2) incontrarci in giornate a tema dedicate alla ricerca, condivisione e allo scambio di tali sostanze preziose
3) organizzare delle attività inerenti l'utilizzo dei fermenti e delle buone pratiche di fermentazione

 

 

 

     COME FUNZIONA LO SCAMBIO  PER DARE E RICEVERE LE MADRI DEI FERMENTI DI VITA                                       
La forza di un gruppo locale è quello della vicinanza fisica che permette gli scambi diretti, quindi a km. 0 .
Possiamo così liberare lo scambio  delle Madri dai costi aggiuntivi del trasporto e provare a inventare un modello alternativo allo scambio di danaro, che valorizzi i valori umani e le buone maniere. Questo metodo, degno di Marx, è...
Il Metodo dello scambio di doni attraverso facebook      
Quando si entra nel gruppo facebook Fervidamente Taranto
si diventa fervidamente attivi in due modi: come donatori e come richiedenti.
Come donatori comunichiamo le nostre disponibilità a donare le Madri del : tibicos, kefir al latte, kombucha, lievito madre, fervida ecc. e ci impegnamo non pretendere nulla in cambio.
Come richiedenti comunichiamo le nostre disponibilità a ricevere le Madri del:  tibicos, kefir al latte, kombucha, lievito madre, fervida ecc. , e, come segno di gratitudine ci impegniamo a fare,  un libero dono in natura, vegetariano e salutare.
Quando il richiedente e il donatore si incontrano avviene il libero scambio di doni.
Quando si richiede nel gruppo un particolare fermento, si indica quale, specificando inoltre in quale zona di Taranto viviamo, così da permettere ai donatori del gruppo che abitano più vicino di rispondere in base alle loro possibilità.
Una volta giunte le risposte sul gruppo il richiedente può contattare i donatori nella chat privata e mettersi d'accordo sulle modalità dello scambio: data luogo, contenitori, ed altro...
Riconoscendo l'incredibile salubrità di tali pratiche invitiamo tutti a diventare fervidamente attivi donatori realizzando e moltiplicando i fermenti per donarli agli altri e al territorio come gesto di amore e di cura nei loro confronti.
Sarebbe bello documentare gli scambi avvenuti, con foto e posts sul gruppo
                                                                                                                                                     Lorenzo Di Pierro
0 Commenti

EFFETTI TERAPEUTICI DEI FERVIDA SULL' UNGHIA

PER LA SERIE FOTO ORRENDE ma esplicative !

Ecco una sequenza di foto che documentano il risolutivo effetto dei fervida su un unghia. L'unghia in questione cresce cornea dall'età di 8-9 anni a seguito di un incidente . Questa estate ha subito un trauma e da allora ha iniziato a manifestarsi questa problematica. Qualcosa mangiava la mia unghia. O mio Dio.....che orrore, cosa posso fare....l'occhio mi cade sul fervida che inizio subito ad applicare puro sulla parte. ed ecco come sta andando.....

All'inizio   agosto 2016

 fervida            di 7 anni  Pacheng




allo stato attuale..

 


l'unghia stà ricrescendo (lentamente) ma sana. la parte intaccata sembra d'altronde essersi ridotta. si nota l'inscurimento dell'unghia. cosa importante la posologia : nelprimo periodo due volte al giorno per una settimana poi una volta la stettimana e infine 1 volta ogni  2 settimane.   prossimamente nuove orrende voto.....

0 Commenti

The Invisible Universe Of The Human Microbiome

VIDEOANIMAZIONE

0 Commenti

TIBICOS LIVING ART

0 Commenti

LUCIO IL VELOCE TARTARUGO

PER LA SERIE AMICI DELLA CASA

0 Commenti

LEONE IL GATTTO DORMIGLIONE

PER LA SERIE GLI AMICI DELLA CASA


0 Commenti

CICCIO IL TIMIDO RICCIO

PER LA SERIE GLI AMICI DELLA CASA

0 Commenti

FERVIDA CON LA CAMICIA

COLLEZIONE AUTUNNO INVERNO


0 Commenti

SARVAMANGALAM CARISSIMO LAMA

SALUTIAMO IL MAESTRO LAMA NAGHYAL

0 Commenti

SI AI DELFINI NO ALL' AIRGUN

0 Commenti

Alla Casa del Mandala Fiorito                                           FERVIDAMENTE Laboratorio Sui Fervida e Altri Rimedi

 

 

18 DIC 2016  in  Viale Del Tramonto N.77 

Primo laboratorio a Taranto 

di autoproduzione e uso dei FERVIDA     i  fermenti di vita .     

 

L'A.S.C.D. Nave Alata Surya, in collaborazione con il CREI, è felice di presentare  il primo laboratorio a Taranto di autoproduzione e studio dei FERVIDA, i mitici fermenti di vita!

I FERVIDA sono dei preziosi elisir di vitalità ottenuti dalle fermentazioni selvatiche di frutti e piante commestibili. Questi fermenti probiotici hanno ampi impieghi salutistici e anche curativi.

Imparare a realizzare e a usare i fervida significa: avere nelle nostre mani una conoscenza e uno strumento per purificare e rigenerare noi ed il nostro habitat , in modo semplice economico ed efficace

I fervida si ottengono seguendo una metodologia antica e segreta che è stata diffusa dalla Signora Pa Cheng,  dalla Thailandia.

Scopriremo insieme cosa sono, come utilizzarli e soprattutto li prepareremo insieme .  Se vuoi fermentare un tipo di  frutto o una pianta che ami, portala pure,      altrimenti raccoglieremo insieme: alloro, olivo, aloe, piante preziose per le loro proprietà.

Programma:
ore 10:00 incontro e preparazione dei Fervida
ore 13:00 pranzo a buffet
ore 15:00 presentazione teorica dei fervida
ore 17:00 -18:00 presentazione e degustazione di tibicos e kombucha

Il Laboratorio è aperto al massimo a 10 partecipanti
per info e prenotazioni
099/7332175
3470027553
navealatasurya@gmail.com

Ascolta la canzone di Pa Cheng la madre dei  Fervida

Il cielo e’ vasto e c'è ancora tanto spazio.
Tutte le stelle sono per la notte.
Potente e’il sole per il giorno, di cui brilla l’ intero Universo.
L’oceano si sveglia, rimane forte e impetuoso quando accade qualcosa di funesto.
I problemi esistono per essere risolti.
Combatti con il sorriso e vai avanti.
Gli incoraggiamenti sono tutti intorno a te a mostrarti la via e renderti forte.
La vita e’ speranza di attraversare e superare le difficoltà.
Il respiro profondo sopravvive alla lotta.
Non essere triste e pessimista.
Il peggio ognuno di noi può superarlo e andare oltre.
Allontana la tristezza.
Costruisci i SOGNI che ti porteranno al cambiamento.
La strada davanti a te e’ illuminata.
La luce risplende in fondo al tunnel.
Il giorno finisce e rifletti.
Lotta con CUORE coraggioso.
Un giorno svaniranno i dolori e i problemi si risolveranno con nobile cuore e con grande forza interiore                             finché non sarà tutto ripulito.
……………
Grazie Pa Cheng, donna di cuore ed esempio per tutte noi Anime in cammino di come la vita nostra e degli altri sia un dono prezioso da custodire, proteggere, difendere in nome del bene comune e di un progetto superiore.

Un Grazie in ordine di tempo a Kali, Cinzia Carducci e Stefano Abbruzzese e Rosalba Montagna

0 Commenti

Quando i batteri servono a proteggere gli ammalati

di Valentina Calzavara
18 dicembre 2014
 
Al Ca'Foncello di Treviso pulizie fatte con i “germi buoni” per bloccare le infezioni dei batteri nocivi. Come la lotta integrata nei vigneti. Il primario Rigoli: «Abbiamo raggiunto grandi risultati»
1K
 
Reparti del Ca’ Foncello come i filari dei vigneti, dove si ricorre alla lotta biologica per tenere a bada i microrganismi cattivi. Il metodo sviluppato dall’Usl 9, in collaborazione con l’università di Ferrara, è esattamente lo stesso che si ritrova nell’agricoltura bio: come sui campi si proteggono i grappoli dall’attacco dei parassiti con “insetticidi” naturali, così nelle corsie dell’ospedale si passano comodini, tavoli, sedie, lavelli e pavimenti, entrati in contatto col malato, spalmandovi sopra germi buoni, capaci di bloccare lo sviluppo dei pericolosi cugini “patogeni”, cioè portatori del rischio di infezioni. Un sistema a dir poco innovativo che, in quasi due anni d’impiego, ha dato risultati straordinari.
 
«In reparti come le lungodegenze le pulizie vengono fatte adoperando dei preparati di probiotici anziché i tradizionali prodotti chimici per sterilizzare», spiega Roberto Rigoli, direttore del dipartimento di Patologia Clinica e responsabile della Microbiologia dell’Usl 9, «abbiamo fatto questa scelta dopo una serie di controlli accurati per verificare che funzionasse, e così è stato. Si è visto che impiegando questi batteri “amici”, che sono assolutamente innocui per le persone e per l’ambiente, si instaura una competizione biologica positiva per cui il microrganismo patogeno ci mette molto più tempo a svilupparsi».

L’iter è semplice: i “probiotici” vengono prima trasferiti dal panno sugli arredi ospedalieri, iniziano così a “colonizzazione” la stanza. Come in una spedizione di guerra avanzano invisibili e compatti, invadono e conquistano, a poco a poco, le superfici. Ogni centimetro guadagnato viene reso inospitale per l’arrivo del nemico. Alleati dell’uomo, i probiotici combattono contro un esercito terribile composto da stafilococco aureo, escherichia coli, pseudomonas, candida e acinetobacter. «Grazie a questa procedura di pulizia abbiamo introdotto la lotta integrata e possiamo dire che i probiotici ci hanno regalato grandi soddisfazioni», continua Rigoli, «con l’igienizzazione tradizionale andavamo ad azzerare la carica batterica con sostanze chimiche, ma ci siamo accorti che questa, dopo pochi minuti, riprendeva a crescere esponenzialmente. Invece, applicando i nuovi preparati, essi fanno pressione sul battere potenzialmente cattivo, lasciandogli sempre meno spazio per crescere. Se prima si ripresentava dopo 24 ore adesso fa fatica a ricomparire addirittura dopo 72 ore»

Ma questa non è la sola strategia adottata dall’Usl 9 contro le infezioni ospedaliere. Tenere a bada dei pericolosi intrusi, spesso letali per la salute umana, rappresenta la sfida del secolo, basti pensare che nel 2050, secondo un recente studio inglese, alcuni batteri uccideranno più del cancro. Un allarme che non trova impreparato il Ca’ Foncello, dove il numero di infezioni in corsia si attesta intorno 6%, pari a circa 3 mila pazienti colpiti, su un totale di oltre 50 mila ricoveri l’anno. «Siamo in linea con le medie nazionali e non abbiamo evidenza di morti», commenta Rigoli, fotografando la situazione trevigiana, «diciamo che le infezioni urinarie sono le più frequenti, per esempio, lo stafilococco aureo è particolarmente avvezzo alla plastica di cateteri e sonde che costituiscono delle facili “porte di entrata”. Ci sono poi le infezioni del sito chirurgico, quelle polmonari, specie nelle terapie intensive e poi le infezioni correlate a dispositivi intravascolari».

Casistica cui l’azienda sanitaria dal 2013 ha deciso di rispondere attivando una squadra di cacciatori di microbi. “Comitato per le infezioni correlate alle procedure assistenziali” è il nome ufficiale del team di esperti composto dal primario Rigoli insieme all’infettivologo Pier Giorgio Scotton, alla farmacista Laura Zamengo, a Simone Bradariolo della direzione sanitaria e a Maria Pia Dametto, infermiera epidemiologa. Quest’ultima rappresenta una figura strategica e innovativa, a lei il compito di recepire l’allarme di una sospetta infezione, correre nel reparto interessato, verificare e quindi attivare tutte le procedure necessarie per fermarla. «Così riusciamo a tenere sotto controllo l’epidemiologia dei reparti», spiega Dametto.

0 Commenti

SOMMISSIONE E YOGA INTEGRALE

Mandala fiorito della Madre Divina

La parola sommissine è una parola difficile da praticare specialmente per noi italiani. In primo luogo non la si conosce,        e non si conosce perchè non la si usa. E perchè non la usiamo?  Perche non ci sembra una bella cosa.

Sul dizionario treccani troviamo:

sommissióne (ant. sommessióne) s. f. [dal lat. submissio -onis, der. di submittĕre «sommettere»]. – 1. letter. Sentimento e atteggiamento di chi riconosce e accetta la superiorità e la volontà altrui: rispondere, obbedire con s.

Eppure velata da questa parola e dal nostro orgoglio vi è la chiave dello Yoga Integrale

Vediamo cosa dice Mere a riguardo

La sommissione è la decisione di affidare la responsabilità della propria vita al Divino.                                                   Senza questa decisione, niente è possibile; senza il dono di sè, questo yoga è fuori discussione.                                              Ogni altra cosa segue naturalmente, giacchè l'intero processo inizia con la sommissione.                                                 Puoi offrire te stesso attraverso la conoscenza o attraverso la devozioe. Puoi avere una forte intuizione che solo il Divino è la verità e una luminosa convinzione di non poter fare a meno di Lui.                                                                                 Oppure puoi avere la senzazione spontanea che questa sia l'unica strada che porta alla felicità, e puoi provare un forte desiderio psichico di appartenere esclusivamente al Divino.                                                                                                Allora dici: " non appartango più a me stesso", e cedi la responsabilità del tuo essere alla Verità.                                         A questo punto viene l'offerta di sè: "ecomi qui, creatura di qualità disparate, buone e cattive, oscure e illuminate.         Mi dono a te così come sono, accoglimi con tutti gli alti e bassi, le mie tendenze e i miei impulsi contrastanti, fa di me ciò che vuoi." Mentre procedi ad offrirti, cominci a unificare il tuo essere attorno a ciò che ha preso la prima decisione,         la volontà psichica centrale. Tutti gli elementi stridenti della tua natura devono essere armonizzati; uno dopo l'altro, devono essere presi e uniti all'essere centrale. Puoi offrirti al Divino con un moto spontaneo, ma senza questa unificazione, non ci può essere un'effettiva sommissione. Quanto più ti unifichi, tanto meglio compi il dono di te stesso. E questa offerta, una volta completa , è seguita dalla consacrazione: essa corona l'intero processo di realizzazione; è l'ultimo gradino, al di là del quale i guai cessano e tutto va liscio. Ma non dimenticate che una consacrazione integrale non è possibile subito. Spesso puoi illuderti di esserci arrivato quando entri in una fase di coscienza intensa e particolare per un giorno o due. Sei portato a a sperare che tutto il resto proceda automaticamente sulla sua scia; in effetti, se ti lasci prendere dalla pur minima compiacenza, non fai altro che ritardare il tuo progresso. Perchè il tuo essere è colmo di innumerevoli tendenze in conflitto tra loro, quasi fossero personalità diverse. quando una di esse si donal Divino, le altre si ribellano e rifiutano la loro edesione." Noi non ci siamo sottomesse", gridano, poi cominciano a reclamare la loro indipendenza ed espressione. Allora tu  le esorti a star quiete e mostri loro la Verità. Con pazienza devi esaminare tutto l'essere, eslorarne ogni singolo angolo, affrontare tutti gli elmenti indipendenti in te che attendono il loro momento psicologico per venire fuori. Ed è solamente dopo aver passato in rassegna tutta la natura mentale, vitale e fisica dopo aver pesuaso ogni sua parte a donarsi al Divino, attuando in tal modo una consacrazione assoluta e unificata, che metti veramente fine alle tue difficoltà. Allora la tua è veramente una marcia  vittoriosa verso la trasformazione, poichè non passi più dall'oscurità alla conoscenza, ma di conoscenza in conoscenza, di luce in luce, di felicità in felicità...La consacrazione completa non è indubbiamente un compito facile, e potrebbe richiedere un tempo pressochè indefinito se la dovessi compiere tutta da e con il tuo solo sforzo. Tuttavia, quando la Grazia del Divino è con te, non è esattamente così. Con una piccola spinta del Divino ogni tanto, in questa e in quella direzione, il lavoro diventa relativamente facile. Certo l'arco di tempo dipende dall'individuo, ma può essere decisamente abbreviato se prendi una ferma risoluzione.                                                     La risoluzione è quello che ci vuole, la RISOLUZIONE E' LA CHIAVE DI VOLTA.                            Mere

0 Commenti

Il Mandala Fiorito della Madre Divina                                          LA VIA DELLO YOGA INTEGRALE

La vera strada è la sommissione al Divino, completa, assoluta e incondizionata. Se ti offri interamente al Divino senza chiedere nulla in cambio, se immergi la coscienza nel Divino, le tue sofferenze scompaiono- ma la sommissione dev'essere totale, incondizionata, indiscussa e assoluta, compresi tutti i desideri, tutte le necessità, le simpatie, i tuoi sogni, le tue carenze, le tue voglie,  tutto insomma: tutto ciò che forma il tuo piccolo ego.  Allora si troverai la pace e i tuoi tormenti finiranno

0 Commenti

TUTTA LA VITA è YOGA

Lettura del libricino "Cos'è lo Yoga"                                                                                             Una compilazione di scritti della Madre e di Sri Aurobindo                                                               su cosa sia lo Yoga.                                                                                                                      I brani sono letti da Anna Saia.

 

 

0 Commenti

IL PRONCIPIO EVOLUTIVO                                                          INSITO NELLA MATERIA VIVENTE

L'Evoluzione senza fine delle popolazioni di batteri

L'evoluzione continua imperterrita, anche in un ambiente perfettamente stabile. O, per dirla in un altro modo,                 non esistono organismi così ben adattati al loro ambiente da non lasciare spazio a un adattamento ancora migliore.

Un esperimento che ha seguito l'evoluzione di popolazioni del batterio E. coli per oltre 50.000 generazioni nell'arco di 25 anni ha dimostrato che anche in un ambiente stabile gli organismi possono continuare a migliorare la loro fitness, e che non esiste un punto oltre il quale qualsiasi nuova mutazione non può essere che peggiorativa(red)

Batteri di differenti generazioni sono stati messi in competizione nello stesso ambiente in cui si sono evoluti. All'inizio della competizione (a sinistra) ogni piastra conteneva popolazioni numericamente tratte da due campioni differenti; dopo un certo tempo (a destra), la maggiore fitnesss di una delle due appare evidente (Cortesia Michael Wiser/Science/AAAS)


E il microbo disse : Cambio specie

E il microbo disse: cambio specie - 22 febbraio 2012 - articolo pubblicato sulla rivista "PLoS Biology".
Per la prima volta è stato documentato un processo di speciazione simpatrica fra microrganismi, ossia di quella differenziazione in più specie che avviene anche in assenza di qualsiasi barriera fra due popolazioni originariamente identiche
Perché due popolazioni identiche diano origine a specie differenti è in genere necessario che vi sia qualche tipo di barriera che le separi per un tempo sufficiente. Ma non sempre le cose vanno così, come testimonia una ricerca condotta su due popolazioni di microrganismi che hanno iniziato a evolversi in specie diverse nonostante continuassero a condividere lo stesso habitat e talora si incontrassero scambiandosi perfino alcuni geni. Il tutto sotto gli occhi dei ricercatori. A sancire il primo esempio ben documentato di speciazione simpatrica in un microrganismo è uno studio condotto da biologi dell'Università dell'Illinois.

© Dr. Terry Beveridge/Visuals Unlimited/Corbis La speciazione simpatrica - in cui due popolazioni di uno stesso lignaggio divergono in due o più specie in assenza di barriere fisiche o meccaniche che le tenga separate - è particolarmente difficile da dimostrare, e questo è tanto più vero quando si ha a che fare con microbi. "Una delle grandi questioni, da Darwin in poi, è come divergano le specie se vivono insieme", spiega Rachel Whitaker, che ha diretto lo studio. "Alla questione, in realtà, non è stata data una risposta perfettamente soddisfacente neppure per i macro-organismi studiati per centinaia di anni."
Nel caso dei batteri e degli archea, lo studio si complica ulteriormente per le numerose modalità con cui vengono condivise le informazioni genetiche. Dato che i microrganismi si riproducono generando cloni perfetti o quasi perfetti di se stessi, se non intervenissero altri fattori la loro diversità genetica sarebbe piuttosto bassa, risultato solo di alcuni errori di copiatura e di mutazioni casuali. In realtà, essi possono anche collegarsi tra di loro scambiandosi geni, acquisire nuovi geni da virus che infettano o anche "risucchiare" elementi genetici casuali dall'ambiente.
Prima che venisse sviluppata la tecnologia in grado di analizzare il patrimonio genetico dei singoli microrganismi, popolazioni oggi ben distinte apparivano del tutto identiche e non si era neppure in grado di distinguere batteri e archea, che oggi sono considerati un dominio della vita del tutto a parte, distanti dai batteri tanto quanto lo sono le piante e gli animali.
Whitaker e colleghi hanno focalizzato la loro attenzione su Sulfolobus islandicus, un organismo termofilo appartenete agli archea, ed è uno dei pochi microrganismi che vivono in ben definite popolazioni isolate all'interno di sorgenti calde geotermiche. "Stiamo guardando un ambiente che non è molto complesso in termini microbici", aggiunge Whitaker. "Non sono molti gli organismi in grado di viverci, e quelli che possono farlo non possono muoversi molto spesso."
Sequenziando i genomi di 12 ceppi di S. islandicus provenienti da un'unica sorgente calda della regione vulcanica di Mutnovsky, in Kamchatka, i ricercatori sono riusciti a ricostruire la storia genetica di ciascuno dei ceppi, scoprendo che i ceppi si ripartivano in due ben distinti gruppi. I ricercatori hanno anche osservato che i membri di uno stesso gruppo si scambiavano geni più frequentemente del previsto, mentre lo scambio fra due membri di gruppi diversi non solo avveniva molto più di rado, ma tendeva a diminuire sempre più con il passare del tempo.
Per quanto le differenze tra i due gruppi fossero lievi, era chiaramente in corso un processo di speciazione, tanto da poter dire che i due gruppi erano alla fine già due specie separate.
Analizzando ancor più da vicino i modelli di cambiamento, i ricercatori hanno visto un mosaico delle differenze lungo de cromosomi, con vasti "continenti" di variazione e piccole "isole" di stabilità. Queste isole, osservano i ricercatori, rappresentano probabilmente le regioni che sono sotto pressione selettiva, esercitata da qualcosa nell'ambiente in grado di eliminare i microrganismi che non hanno questi geni o gruppi di geni. Le regioni variabili sono invece più fluide, con geni che vanno e vengono per ricombinazione e le mutazioni di crescente diversità.
"Quelle che vediamo come due specie diverse differiscono per lo 0,35 per cento in tutto il genoma, che è circa un terzo della distanza tra uomo e scimpanzé", osserva Whitaker, rilevando che i due distinti gruppi di microbi sono di alcuni "ordini di grandezza" più simili tra loro rispetto ai gruppi normalmente considerati specie separate. "Questo significa che esiste un numero di specie di microbi di qualche ordine di grandezza più grande di quanto abbiamo mai pensato. E' un po' sbalorditivo."
Tratto da: lescienze.it


Batteri eterni

Gli scienziati russi affermano di aver fatto progressi nell'adattare un batterio 'eterno' chiamato Bacillus F (nella foto) per migliorare la longevità degli esseri umani. I batteri, che si trovano nel permafrost, si pensa abbiano ben 3,5 milioni di anni


Sei anni fa, scienziati russi hanno scoperto uno strano ceppo batterico nascosto nel permafrost delle lande ghiacciate della Siberia orientale. Il Bacillus F è stato congelato 3,5 milioni di anni fa, recuperato dai ricercatori della Moscow State University, e inviato al laboratorio. Hanno scoperto che il Bacillus F aveva proprietà sorprendenti. Dopo averlo iniettato nei topi, hanno scoperto che potrebbe aumentare la funzione immunitaria, rilanciare la fertilità in soggetti più anziani, e migliorare notevolmente la durata della vita dei roditori. Gli scienziati che stanno lavorando con i batteri sperano di poter consentire all'essere umano medio di poter vivere e superare facilmente i 100 anni.

Hanno anche testato il batterio sui moscerini della frutta, le cellule del sangue umano, e le colture, e tutti hanno risposto positivamente ai batteri. Per ora, i ricercatori non capiscono il meccanismo che consente di migliorare le funzioni corporee, tanto meno come abbia fatto a sopravvivere per tanti anni, mentre si trovava congelato nel ghiaccio, e stanno avendo grande progresso . Hanno cominciato a sbloccare il loro DNA, e hanno scoperto che rilascia sostanze biologicamente attive che aumentano la crescita delle cellule e migliorano la funzione immunitaria. Oltre a questo, non abbiamo grandi spiegazioni.

Il professor Sergey Petrov, capo ricercatore presso il Tyumen Scientific Centre, ha detto: 'In tutti questi esperimenti, il Bacillus F ha stimolato la crescita e anche rafforzato il sistema immunitario.'Gli esperimenti sugli eritrociti umani e leucociti ci hanno reso molto ottimisti.'

0 Commenti

SIGNIFICATI ED ESPRESSIONI                                                        DEL MANDALA DELLA MADRE DIVINA

Sri Aurobindo crea il mandala

Mere lo manifesta

I 12 POTERI DIVINI

Per prima cosa Mere completa la descrizione dei 12 petali-poteri accennta da Sri Aurobindo

I 12 COLORI ASSOCIATI

Successivamente attribuisce ai         12 poteri-petali 12 colori

 

I 17 FIORI ASSOCIATI

Scopre la vibrazione dei 12-poteri-petali riflessi in 12 bellisimi fiori che utilizza ( insieme a tanti altri ) per trasmettere le sue benedizioni ai discepoli


IL MATRIMANDIR


il Mandala in se stessa : Mirra Alfassa ,  Avatar dell Madre Divina

4 Commenti

I MESSAGGI DELLA MADRE

Non dimenticare mai che tu non sei solo. Il Divino è con te per aiutarti e guidarti. Egli è il compagno che non fallisce mai, l'amico il cui amore conforta e fortifica. Se tu hai fiducia Egli farà tutto per te.

IL MODO MIGLIORE DI LEGGERE GLI INSEGNAMENTI SPIRITUALI

 

Sri Aurobindo:  Pensieri e aforismi commentati dalla Madre

 

 Pag 38-39

 

In modo generale e quasi assoluto , il miglior metodo da seguire se vogliamo veramente approfittare di questa lettura , come di quella di tutti gli iscritti di Sri Aurobindo, è il seguente: dopo aver raccolto la nostra coscienza, fissato l' attenzione su ciò che dobbiamo leggere, bisogna stabilire un minimo di quiete mentale ( meglio ancora se si può ottenere il silenzio perfetto) e giungere ad uno stato d’ immobilità della mente, d’ immobilità  cerebrale, potrei dire, affinchè l’ attenzione divenga calma e immobile come uno specchio, simile alla superfice di un acqua perfettamente tranquilla. Allora la cosa letta attraversa questa superfice e penetra profondamente nell’ essere, dove è ricevuta con una deformazione minima, e dopo ( talvolta molto tempo dopo) riemerge dalle profondità e si manifesta nella mente con tutto il suo potere di comprensione: non come una conoscenza ottenuta dal di fuori, ma come una luce esistente in noi. In questa maniera,la   facoltà di capire è al suo massimo; se, al contrario, la vostra mente,leggendo, resta agitata e cerca di ragionare e capire immediatamente quello che legge, perdete più dei tre quarti della forza, della conoscenza e della verità contenute nelle parole. E se potrete porre domande solo quando questo processo di assimilazione e di risveglio interiore sarà compiuto, e bene, vi renderete conto che vi saranno meno cose da chiedere, poi chè avrete capito meglio quello che avrete letto.

 

1 Commenti

IL MANDALA FIORITO DELLA MADRE                                          LA COSCIENZA FORZA DIVINA

Laboratorio di yoga integrale di gruppo

Domenica 23 ottobre 2016 presso la Casa del Mandala fiorito  con l'associazione Nave Alata Surya abbiamo inaugurato il nuovo laboratorio di yoga integrale di gruppo : " Il Mandala Fiorito della Madre Divina " sulla base degli insegnamenti di Sri Aurobindo e Mere. Lo scopo di questo laboratorio è quello di generare il Potere dell'aspirazione collettiva che per dirla con le parole di Mirra Alfassa è : un armoniosa aspirazione capace di cambiare il corso delle circostanze.

 

Madre, vuoi parlarci dello yoga ?

 

Perchè desiderate fare lo yoga ? Per acquisire dei poteri ? per raggiungere la pace e la calma? per servire l'umanità? Nessuno di questi motivi è sufficente a provare che siete pronti sul sentiero. La domanda alla quale dovete rispondere è questa : Desiderate fare lo yoga per amore del Divino? il Divino è lo scopo supremo della vostra vita, tanto che non potreste assolutamente farne a meno? credete che lo vostra vera ragione d'essere3 sia il Divino e che senza di Lui la vostra esistenza sarebbe scialba e senza senso ? In questo caso e solo in questo caso, si può dire che siete pronti per il sentiero. questa è la prima tappa: aspirazione al Divino. La seconda consiste nel rinforzare questa aspirazione, mantenerla costantemente sveglia, renderla viva e possente. Soltento la concentrazione vi porterà verso questa meta: concentrazione sul Divino per ottenere una assoluta e integrale consacrazione alla Sua volontà e ai Suoi fini. Concentratevi nel cuore. penetratevi il più lontano ed il più profondamente possibile. Raccogliete i fili sparsi della vostra coscienza dispersa; riuniteli ed immergetevi nel silenzio del vostro essere interiore. Nella calma profondità del vostro cuore arde una fiamma: è il Divino in voi, il vostro essere. Ascoltate la sua voce. Obbedite alle sue ispirazioni....L'essere centrale ... risiede nel cuore, ed è dal cuore che trae origine ogni movimento dinamico, ogni volontà di trasformazione, ogni potere di realizzazione. "

 

Come mai ci siamo incontrati ?

 

Siamo tutti stati insieme in vite anteriori; diversamente non avremmo potuto incontrarci in questa vita. Apparteniamo tutti ad una stessa famiglia e abbiamo lavorato assieme attraversi i secoli per la vittoria del Divino e la Sua manifestazione sulla terra.

 

Brano estratto dalle conversazioni della Madre 7 aprile 1929

 

 

                                      Asclepiadaceae - Pianta del miele

                      Significato spirituale : Power of collective aspiration

   "A harmonious collective aspiration can change the course of circumstances"

1 Commenti

E' ARRIVATO UN BASTIMENTO CARICO DI........FERVIDA!!!!

LO SBARCO DEI PICCOLI MICRORGANISMI BENEFICI DALLA THAILANDIA

Un gruppo di fanatici fermentatori stanchi di aspettare gli anni,  hanno voluto aprire la porta del futuro. Grazie  Stefano Grazie Pacheng

Sull' Attenti ! Benvenuti eroici microrganismi benefici, FERVIDA il vostro scopo supremo è aiutare la Terra e i suoi abitanti nella sua Rigenerazione. Non è un compito facile perchè siete tra i primi a giungere in queste contrade e la Madre con i suoi figli ha molto sofferto. I vostri fratelli troppo giovani hanno ancora tanto da imparare per diventare potenti abbastanza e rigenerare ciò che è stato corrotto e degradato, ma propio per questo siete stati chiamati voi i migliori.

1 Commenti

Il Fervida e le sue proprietà : Testimonianze

 

 

 

 

Il Fervida mi ha dimostrato di essere veramente efficace per i miei problemi di pelle che non sono pochi... cheratosi secondo il medico,  questo quì per esempio era alla mano ... non passava con niente.... aveva iniziato ad essere una zona ipersensibile... poi ho iniziata ad applicare dei bendaggi col fervida ....

 

 

 

 

 

Ecco un altro problemino che mi portavo da almeno 3 anni e che andava peggiorando.

Con l'uso degli occhiali da sole si era creta una situazione sul mio naso che non ne voleva sapere di tornare alla normalità. la pelle in quella zona continuava a desquamarsi e inscurirsi... anche qui trattamenti i con le pezzuole imbibite di fervida hanno fatto il miracolo.....

 

 

 

Ecco la mano a distanza di 3 mesi di distanza con applicazioni effettuate giornalmente solo il primo mese e poi completamente sospese...

 

 

 

Certo nella foto sembro proprio male....ma si nota subito il miglioramento

 

Quello che voglio sottolinere è l'importanza dell'uso delle pezzuole bagnate che hanno dimostrato di essere una pratica molo più efficace della semplice idratazione della zona senza questo supporto.

 

Il prossimo step vista l'estensione della problematica saranno i mitici bagni col fervida....

0 Commenti

Si Parte...

Inaugurazione del C.R.E.I. La Casa del Mandala Fiorito

 

 Finalmente...

  Dopo una luga gestazione la nuova creazione ha avuto luogo  .   in data 12 settembre 2016 è nato ufficialmente il C.R.E.I. (Centro Ricerche Educazione Integrale). Con la presenza del venerabile Lama Nagyal e del grande farmacista Giuseppe Di Pierro,  insieme a un gruppetto di  amici, nobili e preziosi, compagni di mille battaglie, abbiamo celebrato aquesto lieto evento con la cerimonia di Tara la Dea Madre buddista , nel giorno dedicato al sacro nome di Maria,
  nella sua sede (la Casa del Mandala Fiorito) in viale del Tramonto 77, San Vito Taranto.

            

GRAZIE A TUTTI

E grazie al giornale Inchiostro Verde, l'unico giornale che ha voluto riportare l'evento sulle propie pagine 

http://www.inchiostroverde.it/il-c-r-e-i-presenta-le-sue-attivita-alla-comunita-tarantina/

 

                                  

                                            INAUGURAZIONE DEL C.R.E.I.                                               LA CASA DEL MANDALA FIORITO

12 - 9 2016

VIALE DEL TRAMONTO N.77  SAN VITO TARANTO (ITALY)

ALLA PRESENZA DEL VENERABILE LAMA NAGYAL

 

PREGHIERA DELLE  CINQUE ASPIRAZIONI INCOMMENSURABILI

Possano tutti gli esseri essere liberi dalla sofferenza e dalla sua causa

Possano tutti gli esseri realizzare la felictà e la sua causa

Possano tutti gli esseri essere inseparabili dall'estasi priva di dolore

Possano tutti gli esseri dimorare nell'equanimità liberi da odio, da attaccamento e ignoranza

Possa la vita divina fiorire sulla terra in noi e in tutte le nostre relazioni

 

 

0 Commenti

APERTE LE ISCRIZIONI AL CORSO DI FLORITERAPIA SECONDO IL METODO DEL MANDALA FIORITO

Si terrà c/o la Casa del Mandala il Corso di Floriterapia secondo il Metodo del Mandala Fiorito, tenuto da Lorenzo Di Pierro.

Questo corso, dal titolo "LA PORTA FIORITA", ha come scopo quello di fornire ai partecipanti le nozioni base riguardanti la figura del Dott. Edward Bach, come Maestro di saggezza e le caratteristiche e'utilizzo dei Fiori di Bach.  Attraverso l'uso del mandala, come strumento didattico e di sintesi, le carte, i colori e i giochi sincronici, come mezzi di applicazione pratica, i corsisti vivranno un percorso di studio dei Fiori di Bach innovativo, adatto a chi si affaccia a questo meraviglioso mondo per la prima volta e a chi invece ne vuole approfondire la conoscenza.

 

0 Commenti

Fiori profumi e colori a Pantelleria

Il prossimo 19 luglio saremo nella splendida isola di Pantelleria, ospitati dall'hotel MURSIA & COSSYRA, per un incontro esperienziale sui Fiori di Bach, utilizzati secondo il metodo Kraemer, in associazione con i relativi colori ed olii essenziali.

L'incontro si svilupperà attraverso un percorso di esercizi , suoni e canti armonici e Spa, guidati da Lorenzo Di Pierro.

0 Commenti

Fermenti di Vita alla Casa del Mandala Fiorito

 I primi FERVIDA, o fermenti di vita sono stati prodotti nella Casa del Mandala Fiorito!

Si tratta di una prima sperimentazione, con fermentazione di 6 mesi, di Aloe arborescens e di misto di cucina.

Per tutto ciò che riguarda i Fervida trovate le info qui: http://fervida.jimdo.com/.

La produzione continua con nuovi fermentati in maggiori quantità, a presto nuovi aggiornamenti!

http://fervida.jimdo.com/superfrutti/

0 Commenti

Facciamo i Colori

Eccolo, è finalmente arrivato il libro che aspettavamo per aiutarci nella sperimentazione con i colori naturali! Si tratta di "Facciamo i colori" scritto da Helena Arendt, edito da Terredimezzo e gentilmente ordinatoci dalla libreria Dickens di Taranto.

Il testo mostra nei dettagli come ottenere i colori da petali di fiori, verdure e frutti, come anche i possibili metodi di conservazione e sperimentazione, il tutto corredato da bellissime foto a colori. Un libro davvero speciale per adulti e bambini. 

La biblioteca della Casa del Mandala Fiorito è felice di custodirlo..e anche noi!!

Facciamo i Colori
Ricette e idee per dipingere e giocare con la natura
Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere
€ 17.9

0 Commenti

Un esperienza meravigliosa : coloriamo i mandala con i fiori


E' veramente un' esperienza meravigliosa quella di realizzare con la gratitudine nel cuore i colori per i nostri mandala  con i bei fiori della natura. 

Tutto nasce per caso da un semplice e piccolo fiore giallo che cadendo nel bagno lascia una traccia indelebile sul pensile laccato di bianco.

Una tragedia girata a ricerca: ma allora se uno fa tanto, tanti faranno di piu' ?  Dai proviamo.. 


siamo in puglia a marzo

 

nei pressi del mare troviamo :

Acetosella per il Giallo

Calendula per l'Arancio

Iris per il Blu

gerani per il rosso

Ogni fiore un colore da scoprire, lavorando di pestello e fantasia. Per il momento le tinte sono molto delicate, come gli acquerelli, ma la ricerca è in itinere, nuovi testi arricchiranno la biblioteca della Casa del Mandala Fiorito come ad es. "Facciamo i Colori, scritto da Helena Arendt"; edito da Terredimezzo, e ci aiuteranno nella sperimentazione...a presto nuovi aggiornamenti!





 

" Il proposito principale dell' educazione                                                                                 dovrebbe essere aiutare l'anima in crescita                                                                                   a far emergere ciò che in lei è il meglio                                                                                           e renderlo perfetto per un nobile uso "        Sri Aurobindo